cerco un trainer

Registrati come Utente

Trova il Trainer che vuoi, dove vuoi.
Vicino a casa tua o vicino al tuo luogo di lavoro.

Cerco un Trainer

sono un trainer

Registrati come Trainer

Crea il tuo Profilo Professionale di Trainer
Acquisisci nuovi Clienti tramite la Community.

Sono un Trainer

blog

Articoli dai Trainer Professionisti

Karate per bambini e ragazzi – quali sono i benefici?

Karate Per I Bambini - I Benefici | Tialleno.it

Karate per bambini: questa intervista vuole essere di aiuto a quei genitori che vorrebbero avviare i propri figli alla pratica del Karate, fornendo loro risposte immediate ai dubbi più ricorrenti.

Abbiamo il piacere di intervistare Massimiliano Di Bona, maestro di Karate che ci chiarirà diversi aspetti riguardanti la disciplina del Karate ed in particolare rispetto ai bambini a partire dai 5/6 anni in poi.

Benefici del karate per i bambini
Benefici del karate per i bambini

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Karate per bambini e ragazzi, quali sono benefici?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it
I benefici del Karate per i più piccoli sono molteplici: fin dai primi istanti apprendono che alla base di tutto esiste una disciplina fondata sul rispetto e sulla lealtà; inoltre imparano a gestire il corpo in modo multilaterale e coordinato tra movimenti degli arti superiori ed inferiori.

Apprendono i movimenti di base di un individuo come correre, saltare, rotolare oltre a gestire una caduta accidentale.

Un’altro aspetto importante per il bambino che si avvicina al Karate è l’acquisizione della capacità di concentrazione, riuscendo ad incanalare l’attenzione su ciò che fanno.

Quest’ultima parte viene sviluppata molto nella preparazione ed esecuzione dei Kata (combattimenti figurati con tecniche preordinate e codificate da secoli!).

Benefici del karate per i bambini
Benefici del karate per i bambini

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Il Karate è uno sport violento o pericoloso?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it
Di getto rispondo che è colui che lo pratica che può essere pericoloso o violento; di per se quest’arte nasce come strumento di autodifesa a mani nude!

Ad avvalorare quanto dico, oggi i regolamenti federali e degli enti di promozione, come FIJLKAM e CSEN, sono molto attenti alla tutela degli atleti, imponendo, nel Kumite (combattimento tra due atleti), il massimo controllo delle tecniche, escludendo ogni forma di contatto al viso tra i più giovani e un leggerissimo contatto al corpo e permettendo un tocco leggero (skin touch) al volto per i più grandi; a quest’ultimi è permesso un contatto maggiore al corpo.

Per la maggior salvaguardia degli atleti vengono usate delle protezioni: paradenti, corpetto, guantini, paratibia, parapiedi; in più paraseno per le femmine e conchiglia per i maschi.

 Un’indagine delle società assicurative indica che il karate è tra le attività con la minor incidenza di traumi al contrario di altri sport!

Ovvio che piccoli traumi possono accadere nel Kumite, perché comunque è un “combattimento”, ma nella stragrande maggioranza dei casi si risolve semplicemente con il mitico ed insostituibile “ghiaccio”!

Benefici del karate per i bambini

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Quale età è consigliata per iniziare a praticare il Karate?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it
L’età minima per iniziare è tra i 5 e i 6 anni, perché il bambino in questo momento inizia ad avere l’autonomia psico-motoria necessaria per seguire una lezione di Karate.

Dai 3 ai 5 anni possiamo iniziare un percorso propedeutico coinvolgendo i piccoli in giochi e attività ludiche tali da sviluppare la socializzazione con il gruppo stesso e le prime attività fisiche di base.

Tutto ciò rientra in un’attività che applicherò dal prossimo settembre (2017) e che chiamerò “Baby karate”!

Per concludere, il contatto fisico e l’aggressività non deve essere repressa nei bambini ma canalizzata e disciplinata; il Karate offre questa possibilità.

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Quale è il valore della disciplina del Karate?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it
La “disciplina” è l’essenza del Karate. Ricordiamo che nasce in contesti militari (appunto marziale) e si sviluppa in ambienti monastici orientali, dove il rigore, il rispetto per il prossimo e la lealtà sono il loro fondamento. Oltretutto il Karate viene aggiunto dalla desinenza “DO”  (Karate Do) che sta per “cammino alla ricerca della perfezione interiore dello spirito e del corpo”.

Oggi traduciamo questi insegnamenti con questa idea:

Se non c’è’ disciplina in un Dojo (luogo dove si svolgono gli allenamenti), non c’è rispetto tra gli allievi, ne spirito di sacrificio per allenamento intenso, e non si potranno ottenere grandi risultati, ma soprattutto non si potrà dire “io sono un karateka”!

Benefici del karate per i bambini
Il Karate e i bambini le cinte distinguono l'esperienza

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

In che modo il Karate migliora la capacità di gestione dei rapporti interpersonali?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it
Il Karate sviluppa in modo sistematico un’educazione rivolta al rispetto reciproco; il fatto di essere vestiti tutti allo stesso modo, a piedi nudi, rende di per sé tutti uguali, e l’unica differenza del colore della cinta è il modo più semplice per capire il grado di esperienza di ognuno.

Spesso il Maestro responsabilizza gli allievi più anziani ad avere pazienza e ad aiutare i meno esperti,  creando all’interno del gruppo un ampio grado di coinvolgimento tra gli allievi stessi.

Il Karate è utile anche nel superamento di problematiche come timidezza, insicurezza, o al contrario troppa esuberanza di moltissimi bambini e ragazzi. Anch’io ero molto timido da bambino e grazie al Karate ho imparato a mettermi in gioco, a dire la mia…  e oggi a rispondere a questa intervista!

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Perché il Karate è consigliato anche ai bambini con scarse capacità di concentrazione o autocontrollo?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it

Sempre più spesso il Karate è consigliato da medici, psicologi e logopedisti in special modo per i bambini che hanno scarse capacità di attenzione, concentrazione e/o autocontrollo.

Il motivo di ciò è dato dal fatto che la  disciplina del Karate ha una notevole componente di concentrazione;  è così che anche i bambini più “difficili” da gestire prima o poi iniziano a concentrarsi per imparare le tecniche, anche grazie al desiderio di far bella figura con gli altri coetanei  ed integrarsi al proprio gruppo!,

Con la pratica del Karate tutti i bambini, e non solo quelli con problemi di attenzione, imparano a gestire il proprio corpo acquistando sicurezza nei movimenti e nei gesti più complessi.

Oggi anche i medici ortopedici considerano il Karate un’ottima attività per un sano sviluppo del bambino, e dicono che il solo fatto di fare attività a piedi scalzi è importantissimo per  migliorare le capacità propriocettive  (percezione di sé in rapporto al mondo esterno) e correggere anche piccoli problemi di piattismo plantare.

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Quale è il valore della competizione nel Karate?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it
La competizione nel Karate è relativamente giovane, risale alla fine degli anni 60, ed è la parte meramente sportiva, il metro di misura della preparazione psico-fisica di un atleta; forse la parte meno ”filosofica”, ma sicuramente quella più stimolante per i più giovani, anche se oggi posso affermare che le categorie Master (over 40) sono in aumento, probabilmente perchè il desiderio dell’uomo di mettersi in gioco è sempre un momento pieno di emozioni!

Il denominatore comune per moltissimi è proprio quello di crearsi un obiettivo!

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Proseguiamo con una breve introduzione alle origini del Karate, cosa è importante sapere?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it

Il Karate si sviluppa circa 600 anni fa nell’isola giapponese di Okinawa, quando l’Imperatore vietava ai civili il possesso e l’uso di qualsiasi tipo di arma concedendolo unicamente alle guardie imperiali (i Samurai). Si elaborò così una disciplina di autodifesa senza armi, a mani nude, allo scopo di difesa dai saccheggiatori

Da un incontro tra cultura cinese e giapponese ecco che nasce il Karate, traduzione di arte della mano vuota.

Col tempo il Karate divenne una filosofia di vita ed un vero e proprio cammino alla ricerca della perfezione del proprio spirito e del proprio corpo, esaltando il rispetto del prossimo ed il senso di lealtà, tipico della cultura orientale.

Nella prima metà del ‘900 il Grande Maestro Gichin Funakoshi inizia a insegnare il Karate a Tokyo  da cui quest’arte si diffonderà poi in tutto il continente asiatico e in tutto il mondo.

Il Karate secondo Gichin Funakoshi

Non dimenticare dove occorre usare o non usare la forza, rilassare o contrarre, applicare la lentezza o la velocità, in ogni tecnica.

Gichin Funakoshi

Esistono diversi stili di Karate e il Maestro Funakoshi è il fondatore dello stile “Shotokan”; altri tre grandi Maestri hanno dato vita ad altrettanti stili, quali il Wado-ryu, Gojo-ryu e Shito-ryu.

Paolo di Maria Intervista il maestro di Karate | Tialleno.it

Massimiliano, ora parlaci di te, come vuoi presentarti?

Massimiliano di Bona - Tialleno.it

Ho iniziato a praticare le arti marziali a circa 9 anni, anche se il mio primo approccio è stato con il Judo; qualche anno dopo entrando per caso in una palestra per assistere ad un allenamento di Karate mi innamorai di questa disciplina e da allora non mi sono più fermato!

Ho partecipato a moltissime competizioni, sia a livello nazionale che internazionale, ma soprattutto ho avuto l’onore di far parte del mitico gruppo delle Fiamme Oro della Polizia di Stato.

Il Karate mi ha dato tanto e mi ha aiutato anche a superare e gestire ansie e paure tipiche dell’adolescenza.

Dopo essermi certificato come tecnico federale di Karate presso la FIJLKAM (Federazione Italiana Judo, Lotta Karate e Arti Marziali) e lo CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale); come personal trainer presso la FIPE (Federazione Italiana Pesistica presso il CONI), e come istruttore di MGA (Metodo globale di autodifesa), ho voluto dare anche un senso a tanto allenamento ed esperienza, creando un mio corso di Karate presso la palestra “Body 4 you” a Colleverde di Guidonia Montecelio vicino Roma.

Ho chiamato il gruppo “Massi Karate”, un nome semplice anche da ricordare, è il diminutivo del mio stesso nome, perché ho voluto sottolineare la mia responsabilità su ciò che insegno ai miei ragazzi, e a garanzia del mio impegno.

Per fare ciò studio molto e mi tengo aggiornato su tutte le novità della preparazione fisica dell’adulto e soprattutto del bambino.

Oggi ho un gruppo che va dai 5 anni agli over 50; ovviamente sono gruppi diversi con allenamenti specifici per l’uno e per l’altro, ma posso dire ancora con più consapevolezza che il Karate è per tutti, e si può iniziare a qualunque età, sicuramente l’unica cosa che cambia sono gli obiettivi!

E’ un’esperienza fantastica, dove anch’io non smetto di imparare qualcosa tutti i giorni dai miei allievi!

Massimiliano Di Bona

Tecnico federale di Karate certificato (FIJLKAM e CSEN); Personal Trainer (FIPE),Istruttore di MGA. Conduco un corso di Karate presso Body4you a Colleverde di Guidonia Montecelio.

Massi Karate Colleverde

Lascia un commento

Paolo Di Maria

Allenati come un atleta, mangia come un nutrizionista, dormi come un bambino...
Vinci come un campione.

Yes No